2S
Basilicata

Rotondella: incidente nucleare insabbiato?

da La Gazzetta del Mezzogiorno - Puglia del 29-7-10, di Fabio Amendolara
giovedì 29 luglio 2010
ROTONDELLA - C?? un impianto in cui vengono trattati i minerali estratti da rifiuti industriali e c?? un laboratorio di analisi in cui tecnici specializzati controllano che il processo sia stato eseguito in modo corretto. Lo chiamano laboratorio delle ?Terre rare?. Possono entrare solo gli addetti ai lavori, perch? ? nella zona sottoposta a controllo militare del centro di ricerche Itrec di Rotondella. ? l? che, secondo due tecnici sorpresi dai carabinieri dell?aliquota di polizia giudiziaria di Potenza a chiacchierare in auto, venivano fatte ?le porcherie?. Da chi? E perch?? Hanno cercato di capirlo i magistrati della Procura antimafia di Potenza, ma l?inchiesta non ha dato i risultati sperati. Il fascicolo, secretato a lungo, a gennaio ? finito in archivio.

Ma i carabinieri, guidati dal colonnello Antonio Massaro, qualcosa l?avevano scoperta. ?Fonti confidenziali?, cos? le definiscono in un?informativa che la Gazzetta ha potuto consultare in esclusiva, avevano ?indicato due persone in grado di poter riferire particolari importanti sui movimenti avvenuti nel centro di ricerche di Trisaia?. I due sono Agostino Massi e Gaetano Trezza. Negli anni ?caldi?, quelli dell?indagine sulla produzione di materiale nucleare sporco, lavoravano a Rotondella. Una microspia dei carabinieri ha captato una conversazione che gli investigatori giudicano ?interessante?.

Perch? i due si confrontano su un incidente accaduto nel centro di ricerche di Trisaia e sui metodi usati per far sparire le ?terre contaminate?. Massi e Trezza parlano di un certo Giovanni Fraschetti, un fisico che lavorava con loro e che ora ? in pensione. Fraschetti, suppongono i due, ?sarebbe stato a conoscenza di quali fossero le zone nel sito di Trisaia in cui non era opportuno stazionare, perch? fortemente contaminate?. Era stato proprio Fraschetti a riferirlo a Trezza. La zona ?pericolosa? sarebbe proprio quella nelle vicinanze dell?edificio delle ?Terre rare?.

Scrivono i carabinieri: ?Fraschetti ha svolto mansioni di esperto qualificato in radio protezione per quasi tutta la sua vita professionale nel centro di ricerche di Rotondella. ? risultato a conoscenza delle varie vicende relative alla presenza nel centro di materiale che non doveva esserci (parafulmini radioattivi e rifiuti ospedalieri), ma non ha fornito indicazioni utili alle indagini?.

? per questo che gli investigatori ritengono che ?sia quasi impossibile? ricostruire fedelmente cosa sia accaduto nel centro di Trisaia? Scrivono: ?Considerando che le lavorazioni nel campo del nucleare sono state dal principio un po? pionieristiche e le misure di sicurezza spartane, le conseguenze degli errori non erano note. Gli incidenti accaduti nel corso degli anni sono stati trattati, pare, con una certa superficialit? e le conseguenze sarebbero ancora attuali?.

Nell?informativa i carabinieri chiedono al sostituto procuratore antimafia Francesco Basentini un supporto tecnico.

Viene nominato un esperto. I suoi strumenti, si legge negli atti, ?sono in grado di accertare quali elementi nucleari siano stati utilizzati nell?area, sia pure con dei limiti?. Quei limiti che hanno contribuito a mandare in archivio l?inchiesta.


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 498 / 523061

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito Attualità  Monitorare l’attività del sito Italia  Monitorare l’attività del sito Due Sicilie   ?    |    titre sites syndiques OPML   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.17 + AHUNTSIC

Creative Commons License